Perchè l'Atlante in posizione corretta è importante per l'intero sistema e il corpo in generale?

L'Atlante deve sostenere il peso della testa....

L’Atlante è la prima vertebra cervicale. Supporta tutto il peso della testa (da i 4 ai 6 kg) ed è responsabile di assorbire la forza della volta craniale e trasferirla unita con il peso e la pressione del cranio alle altre 32 vertebre della colonna vertebrale. Esso funge da ponte tra la nostra testa e il resto del corpo e la sua posizione corretta o scorretta determinerà per "effetto domino" il buon o il mal allineamento per il resto delle vertebre della colonna.

Una colonna retta è sintomo di benessere ed armonia...

La Colonna Vertebrale è " l'Autostrada" della nostra salute, ed una colonna retta è sintomo di benessere ed armonia per l'intero sistema, invece una colonna deviata è causa di problemi e disagi per l’intero corpo.

La vertebra Atlante si articola con il cranio con i condili dell'osso occipitale. Il buon ancoraggio di queste due strutture favoriscono il corretto posizionamento della testa e della colonna vertebrale. Il risultato è la tendenza ad una buona postura, maggiore equilibrio muscolare di forze (cervicale, toracica e lombare) e a livello scheletrico favorisce un miglior allineamento sull'asse delle spalle, del bacino e le creste iliache e degli arti inferiori. Il disallineamento minore dell'Atlante D.I.M. o (Posizione scorretta) ha spesso un effetto negativo sulla muscolatura e sull'intera struttura scheletrica costretta a compensare. Ciò può causare o favorire il sorgere di problemi posturali come il capo anteriorizzato, spalle eccessivamente curve, scoliosi, cifosi, eccessiva lordosi lombare, deviazione dell'anca, eccessiva inclinazione del bacino, una gamba apparentemente più corta, tensioni o dolori muscolari in varie zone del corpo che si possono anche cronicizzare: testa, viso, collo, dorso, schiena, glutei, gambe, ginocchia; può favorire dei problemi per la posizione naturale della mandibola ATM, Bruxismo e della deglutizione. Vicino e all’interno dell’atlante stesso passano un insieme di vene e arterie importanti che garantiscono un flusso adeguato di sangue al cervello come le carotidi e l’arterie cervicali.

In base all'angolo di rotazione e inclinazione o D.I.M. dell'atlante può comprimere le arterie e carotidi costantemente..

In base all'angolo di deviazione cranio-caudale dell'Atlante e rispetto alla sua posizione normale, le influenze normali di irrigazione del cervello e cervelletto possono essere sottoposte ad una leggera compressione ne sono un esempio le arterie vertebrali che possono essere sottoposte ad una pressione costante. Questo potrebbe portare a forti mal di testa e a situazioni croniche di dolori o tensioni, affaticamento, disturbi del sonno, vertigini, disturbi di equilibrio e problemi di apprendimento (memoria e concentrazione). Inoltre, nei pressi dello svincolo tra i condili occipitali e l'Atlante, si incontrano i muscoli retti posteriori della testa che si uniscono con la dura madre attraverso il ponte miodurale. Il ponte registra livelli di stress meccanici che si verificano nella dura madre e ha un valore significativo nella propriocezione (capacità di segnalare la posizione dei muscoli) e bilanciare il corpo. La trazione permanente della dura madre che si genera a seguito della modifica del buon ancoraggio tra Atlante e Occipite, provoca distorsioni nella comunicazione corporea e quindi può facilitare o generare alcuni disturbi vegetativi (insonnia, costipazione, diarrea, vertigini, nausea ecc.).

Perturba la comunicazione tra cervello e resto del corpo...

Inoltre la posizione scorretta dell'atlante perturba la buona comunicazione dei nervi con le estremità del corpo (viso, braccia e gambe) causando il formicolio o intorpidimento. In seguito a incidenti, cadute o traumi se l’atlante è nella sede scorretta può peggiorare ulteriormente la sua posizione, e di conseguenze il corpo ne risponderà a livello generale.

Quando l'Atlante è in posizione scorretta, tutto il corpo risente di ripercussioni negative in generale più o meno intense, ma soprattutto viene influenzato maggiormente l’apparato muscolo-scheletrico, circolatorio, neurovegetativo.

Quando l’Atlante è disallineato rispetto alla sua sede anatomico-fisiologica naturale e corretta, tutta la comunicazione elettrochimica interattiva del corpo è disturbata e tutto il corpo può subire un deficit neurologico ed energetico.

Compressione dei nervi..

Una scorretta posizione dell’Atlante sottopone a compressione il fascio di nervi che fuoriesce dalla scatola cranica e passa attraverso l’Atlante, compromettendo in modo importante la distribuzione dei segnali. Un esempio è il Nervo Vago uno dei più importanti nervi del sistema nervoso autonomo che è responsabile di molte funzioni del nostro organismo, la più importante è quella di stimolare la produzione dell’acido gastrico e regolare i movimenti compiuti dallo stomaco e intestino durante la fase di digestione. Questa compressione del nervo a causa della posizione scorretta dell’atlante può produrre non solo l’irritazione del nervo stesso, ma gli impedisce anche di avere la forza sufficiente per trasmettere i suoi segnali, così il cervello è costretto a inviare un impulso elettrochimico di maggiore intensità, consumando ovviamente più energia, oltre che a creare uno squilibrio energetico e favorire l’insorgere di una moltitudine di disagi come vertigini, giramenti di testa, perdita di equilibrio, sbandamenti, svenimenti improvvisi, sudorazione fredda o eccessiva, acidità di stomaco, gastrite e nausea da cervicale. Il nervo vago regola anche il battito cardiaco e una sua disfunzione può causare tachicardia (battito accelerato) o influire sulla pressione del sangue rendendola troppo alta o troppo bassa.

Consumo maggiore di energia per il corpo..

Quando l’Atlante è in una posizione scorretta, tutto l’organismo richiede una maggiore quantità di energia anche per compiere le azioni più semplici e quotidiane, si può ridurre quindi la resistenza, e tutta la persona in alcuni casi può entrare in uno stato di stanchezza cronica immotivata, sonnolenza incontrollabile, fino a forme importanti di esaurimento e depressione, a causa di dolori e stanchezza immotivata.

Il corretto posizionamento dell’Atlante è responsabile dell’allineamento corretto della colonna vertebrale, dei nervi che ne derivano e di tutto il sistema scheletrico, permette una respirazione ampia e fisiologica, accelera le capacità di ripristino e recupero di tutto l’organismo. L’Atlante ha dunque un ruolo estremamente importante nell’equilibrio statico e dinamico di tutto il corpo, di tutta la persona e del suo modo di utilizzare e impiegare correttamente la propria energia. Ogni disallineamento intervertebrale minore (D.I.M.) o posizione scorretta dell’Atlante disturba costantemente la comunicazione delle informazioni tra corpo e cervello e viceversa, assorbendo e consumando energia in modo squilibrato e non economico.

L’Atlante è la prima vertebra della colonna vertebrale e, se posizionata in modo fisiologico corretto, permette a tutto il corpo di acquisire una potenzialità maggiore per vivere con informazioni ed energia, e dunque di essere in vibrazione vitale.